Logo Regione Marche
Barra di presentazione del sito istituzionale della Azienda Sanitaria Unica Regionale
Voi siete qui:
ODONTOIATRI e SOCIETA' ODONTOIATRICHE

La Legge e la Giurisprudenza si stanno sempre di più occupando dell'attività Odontoiatrica e delle Società tra Professionisti.

Raffaele Iandolo, presidente della CAO nazionale, ricorda come la Corte di Cassazione ribadisca che l’esercizio dell’attività professionale protetta non è demandabile a società di capitali, anche se formate da professionisti.

Le società che intendano svolgere, nel nostro settore, l’attività odontoiatrica debbano essere iscritte all’Ordine professionale nella qualità di Società tra Professionisti.

La Legge 24 marzo 2012, n. 27, stabilisce che il professionista deve rendere noto la misura del compenso al cliente  obbligatoriamente, in forma scritta o digitale.

La Legge sul Mercato e la Concorrenza del 2017 prevede che i professionisti iscritti ad ordini professionali debbano indicare e comunicare i titoli posseduti e le eventuali specializzazioni.

L'esercizio dell'attività odontoiatrica è consentito esclusivamente a soggetti in possesso dei titoli abilitanti di cui alla legge 24 luglio 1985, n. 409, che prestano la propria attività come liberi professionisti.

Le strutture sanitarie polispecialistiche presso le quali è presente un ambulatorio odontoiatrico, devono nominare un direttore sanitario responsabile per i servizi odontoiatrici che sia in possesso dei requisiti di cui al comma 153.

Il direttore sanitario responsabile per i servizi odontoiatrici svolge tale funzione esclusivamente in una sola struttura, inoltre in base alla Legge 145/2018 "Tutte le strutture sanitarie private di cura sono tenute a dotarsi di un direttore sanitario iscritto all'albo dell'ordine territoriale competente per il luogo nel quale hanno la loro sede operativa".

Il mancato rispetto degli obblighi comporta la sospensione delle attività della struttura.

 

 

 

Versione stampabile